Acconciatore

Acconciatore, Estetista, Tatuaggi, Piercing

L'attività professionale di acconciatore, esercitata in forma di impresa ai sensi delle norme vigenti, comprende tutti i trattamenti e i servizi volti a modificare, migliorare, mantenere e proteggere l'aspetto estetico dei capelli, ivi compresi i trattamenti tricologici complementari, che non implicano prestazioni di carattere medico, curativo o sanitario, nonche' il taglio e il trattamento estetico della barba, e ogni altro servizio inerente o complementare.

L'esercizio dell'attività di acconciatore di cui alla presente legge ed alla legge 14 febbraio 1963, n. 161, e' soggetto a segnalazione certificata di inizio di attività ai sensi dell'articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241 s.m.i.

L'attività di acconciatore può essere svolta anche presso il domicilio dell'esercente ovvero presso la sede designata dal cliente.

Non e' ammesso lo svolgimento dell'attività di acconciatore in forma ambulante o di posteggio.

L'attività professionale di acconciatore può essere svolta unitamente a quella di estetista.

E' in ogni caso necessario il possesso dei requisiti richiesti per lo svolgimento delle distinte attività. Le imprese di acconciatura possono svolgere esclusivamente prestazioni semplici di manicure e pedicure estetico.

Per esercitare l'attività di acconciatore è necessario conseguire un'apposita abilitazione professionale.

Per ogni sede dell'impresa dove viene esercitata l'attività di acconciatura deve essere designato, nella persona del titolare, di un socio partecipante al lavoro, di un familiare coadiuvante o di un dipendente dell'impresa, almeno un responsabile tecnico in possesso dell'abilitazione professionale.

Il responsabile tecnico garantisce la propria presenza durante lo svolgimento dell'attività di acconciatore ed e' iscritto nel repertorio delle notizie economico-amministrative (REA) contestualmente alla trasmissione della segnalazione certificata di inizio di attività.

1. L'attività di estetista comprende tutte le prestazioni ed i trattamenti eseguiti sulla superficie del corpo umano il cui scopo esclusivo e prevalente sia quello di migliorarne e proteggerne l'aspetto estetico, modificandolo attraverso l'eliminazione e l'attenuazione degli inestetismi presenti.

L'attività di estetista non comprende le prestazioni dirette a finalità specificamente ed esclusivamente di carattere terapeutico.

Per esercitare l'attività di estetista e' necessario conseguire un'apposita abilitazione professionale.

L'esercizio dell'attività di estetista e' soggetto a segnalazione certificata di inizio di attività ai sensi dell'articolo 19 della legge 7 agosto 1990, n. 241 s.m.i.

Le attivita' di acconciatore e l'attivita' di estetista non possono essere subordinate al rispetto del criterio della distanza minima o di parametri numerici prestabiliti, riferiti alla presenza di altri soggetti svolgenti la medesima attivita', e al rispetto dell'obbligo di chiusura infrasettimanale.

Riferimenti normativi

La normativa aggiornata è consultabile su:
http://www.normattiva.it

  • Legge n. 40/2007 "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, recante misure urgenti per la tutela dei consumatori, la promozione della concorrenza, lo sviluppo di attività economiche e la nascita di nuove imprese".
  • Legge n. 174/2005 "Disciplina dell'attività di acconciatore".
  • Legge Regionale n. 54/1992 "Norme di Attuazione della Legge 4 gennaio 1990, n. 1 - Disciplina dell'attività di estetista".
  • Legge n. 1/1990 "Disciplina dell'attività di estetista".

Guarda la modulistica